17 Febbraio 2024

IL TARTUFO BRUMALE IN CUCINA

Il Tuber Brumale Vittadini (anche nella sua varietà Moschatum), detto anche Tartufo nero Invernale, è per l’appunto un tartufo prettamente invernale, che si sviluppa e si raccoglie tra i mesi di dicembre e marzo.

Il profumo, e il sapore, del Tartufo Brumale è intensodeciso, con note muschiate e di sottobosco. Nella variante moschatum, compaiono caratteristiche note di noce moscata.

 

Come conservare e utilizzare il tartufo
(istruzioni valide per tutte le varietà di tartufo)

  • Conservare il tartufo avvolto in carta assorbente in un barattolo di vetro chiuso, in frigorifero
  • Consumare il tartufo entro 7 giorni (5 nel caso del tartufo bianco), avendo l’accortezza di sostituire la carta assorbente quotidianamente per evitare la formazione di muffe
  • Tirare fuori dal frigo il tartufo circa un’ora prima di utilizzarlo
  • Con uno spazzolino rimuovere delicatamente i residui di terra. Non porre il tartufo sotto a un getto forte di acqua corrente, è sufficiente un rivolino per pulire lo spazzolino
  • Affettare in scaglie il tartufo con con una mandolina, o con le lame più ampie di una comune grattuggia a 4 lati, se non si dispone della mandolina.

In cucina con il Tartufo Brumale

Dosi indicative a porzione: 20 gr

Grazie al suo sapore aromatico e persistente, il Tartufo brumale può essere consumato anche a crudo, in lamelle sottilissime, come condimento di uova, primi piatti, carpacci o tartare di carne rosse e pesce.

Come nel caso di altri tartufi neri, inoltre, la cottura ne esalta ulteriormente il sapore: può essere scaldato nel burro per condire primi piatti (tagliolini o in fase di mantecatura di risotti), oppure incorporato nei ripieni di primi piatti o carni.

In this article:
Share on social media:
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram