19 Gennaio 2023

PRIMA ESPERIENZA SUL TARTUFO

Non esiste seconda possibilità per fare una prima buona esperienza.

Tartufo, trasportino, museruola, guinzaglio, bosco etc… Il comune denominatore di tutte queste parole è nuova esperienza per il nostro amico a quattro zampe. Ogni razza ha le proprie peculiarità ed all’interno della medesima razza ogni soggetto fa storia a sé. Ne desumiamo che ogni volta che ci avviciniamo ad un cane dobbiamo essere pronti ad accogliere la sua unicità.

Non tutti i cani possono accogliere ed esaudire le medesime richieste. Imparare a fare le nostre proposte in maniera rispettosa è un buon inizio.

Ogni proposta portata in maniera irruenta è una possibile forzatura ed ogni forzatura può essere il principio di un rifiuto. Rifiuto che porterà a dover lavorare in correzione anziché in educazione. Non dovremo più solo fare emergere le potenzialità del nostro fido scudiero ma anche curare il piccolo o grande trauma causato. Tentativo che potrebbe non andare necessariamente a buon fine.

Rispettare i tempi ed il carattere del cane è fondamentale, non dare nulla per scontato altrettanto.

Trasportino, museruola, guinzaglio, bosco etc… Quale sarà il modo giusto di approcciare una qualsiasi di queste esperienze? Prendo il cane, lo metto nel trasportino, accendo la macchina, e parto oppure in una situazione familiare metto a disposizione del cane il kennel per fargli liberamente prendere confidenza con l’oggetto e poi con dolcezza e pazienza lo accompagno passo passo nel suo percorso?

Le altre esperienze faranno eccezione? Non penso, sicuramente però incontreremo cani eccezionali e probabilmente ci troveranno pronti.

In this article:
Share on social media:
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram